Un raduno periodico di chi fa il carro in azienda?

Tra i tanti spunti che ieri ha offerto la consueta tornata di ottimi interventi allo Strategic Dairy meeting, vi segnalo uno spunto minore, passato magari di sfuggita tra un punto importante e l’altro in tema di ottimizzazione del centro alimentare, via inevitabile per la redditività della stalla.

A proposito: ottimizzare la sfera alimentare (dalla produzione in campagna alla conservazione, alla gestione delle trincee e della mangiatoia) non è solo una questione economica, ma anche ambientale e di sostenibilità: la sfida per chi fa latte e vuole continuare a farlo è usare meno risorse, e quindi meno alimento, per fare la stessa quantità di latte.

Puntare a una riduzione della perdite, ma anche a una maggiore costanza di quanto c’è in mangiatoia (e le oscillazioni tra un carro e l’altro ci sono, eccome se ci sono, lo si è visto bene ieri) è la classica soluzione win-win: riduce i costi alimentari, migliora l’efficienza e quindi la produzione.

Ci sarebbe poi da aggiungere un altro importante suggerimento dato: il feed center aziendale è adeguato ai cambiamenti avvenuti in azienda negli anni? Azienda che magari è raddoppiata nei numeri, nelle strutture, cosa non così difficile da trovare.

E non solo per le macchine (certo, anche per quelle) ma anche per il layout di tutte le componenti coinvolte, a partire delle trincee, e dalla logistica di carico e scarico.

Certo, ci sarebbe anche da sottolineare il tema della adeguata miscelazione dei componenti, dei rischi del sorting, delle perdite di sostanza secca ignote che vanno a sbilanciare la razione e a pregiudicarne efficienza, in modo subdolo perché magari si è convinti di dare una miscelata adeguata. E di altro ancora si è parlato, con una sintesi: si può fare molto di più per conoscere meglio tutto ciò che ruota introno alla parte alimentare della stalla e si dovrebbe farlo, almeno con la stessa cura che si dedica alla funzionalità del sistema di mungitura.

Ma torniamo allo spunto iniziale.

Chi fa il carro in azienda? In genere è una figura ben delineata, sempre quello. Magari anche un po’ introverso e solitario. Ebbene, ciò che ha proposto il relatore dell’incontro di ieri (non vi sarà difficile arrivare alla sua relazione, la fruibilità di questo Strategic Dairy Meeting è eccellente al pari dei contenuti e, dettaglio di colore, ha un’ottima colonna sonora nei momenti di pausa) e che fa regolarmente con la sua società è organizzare momenti periodici di incontro di questi carristi aziendali, che hanno così modo di scambiarsi opinioni, pareri, esperienze.

Di uscire da routine che, per chiunque, possono diventare gabbie al cambiamento e al miglioramento.

Come sempre accade poi, non c’è nulla come cornici apparentemente informali per mettere le basi a contenuti profondi e a miglioramenti reali.

Un’idea esportabile? Direi di sì. I carristi sono una categoria particolare di addetti alla stalla, un po’ come piloti o ciclisti, per stare all’ambito sportivo: da una persona passa tanto del successo di una squadra. Farli incontrare di tanto in tanto per giornate di incontro e aggiornamento mirato può essere una prassi interessante. Che ne dite?

Un pensiero riguardo “Un raduno periodico di chi fa il carro in azienda?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *