Montagna e formaggi estivi: logo e informazioni fanno vendere di più

Logo e informazioni non sono dettagli di poco conto (anche) quando si tratta di vendere un formaggio. 

Tanto più se è una produzione di montagna che ha delle caratteristiche differenti qualora sia prodotto in estate (quindi con erba e pascolo preponderanti nell’alimentazione) o in autunno-inverno (quindi con prevalenza fieno).

E proprio dalle informazioni e dalla presenza di un logo dipende una maggiore o minore propensione all’acquisto del formaggio. 

Se ne è parlato in un interessante webinar fatto da poco e centrato sulle possibilità di (aumentare) la vendita per formaggi di montagna e valorizzare la produzione estiva, quando l’erba dell’alimentazione delle bovine rende il latte, e quindi il formaggio, più ricco di tutto quel ben di Dio di gusto e di valore nutraceutico che arriva proprio dall’erba. Si parlava di Valle d’Ossola, ma la montagna è montagna dappertutto (e così il potenziale compratore)

Ebbene, un passaggio mi è sembrato istruttivo: il consumatore va lusingato ma anche istruito. Istruito con informazioni e con un logo. Entrambe non sono un optional. Perché tra l’esserci e il non esserci ci passa la possibilità di vendere di più o di meno. 

Il dato all’osso. Citando una ricerca mirata, che ha coinvolto 800 consumatori tra 18 e 65 anni, si è visto che la presenza di informazioni sul formaggio prodotto in estate (tipo di alimentazione, effetti sul latte e sul foraggio, contenuti e proprietà) aumenta la propensione di acquisto. Lo stesso fa la presenza di un logo, segnatamente quello che dice “Prodotto di Montagna”. Entrambi (informazioni e logo) determinano una maggiore propensione a pagare un premium price. Al contrario, mancando queste informazioni, per la maggior parte dei consumatori oggetto della ricerca non c’è differenza nella propensione all’acquisto tra formaggio estivo e invernale, il che si può anche tradurre con un prezzo più basso tutto l’anno. 

Quindi, conclusione spicciola: la montagna, il pascolo, l’erba sono potenti strumenti di marketing.

Ma se non si comunicano (bene) al consumatore restano inoperosi a prendere polvere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *