Sostenibilità: la dieta vegetariana davvero è più virtuosa?

Ci sono partite nelle quali lo squilibrio delle forze in campo è talmente manifesto che il punteggio da disfatta per una delle due è solo una logica conseguenza. Altre, invece, nelle quali le due squadre si equivalgono, eppure l’una segna, l’altra sbaglia gol a porta vuota, e il risultato è una disfatta comunque per l’una e una vittoria straripante per l’altra.

Non manca poi una terza situazione: una squadra è molto più forte, eppure non ne azzecca una davanti alla porta avversaria e viene infilata in contropiede in continuazione. Stesso risultato: disfatta, anche se è la squadra più forte.

Dove voglio andare a parare? 

Sarà più chiaro a tutti se dicessi che la partita è quella della comunicazione e che le due squadre in campo, per semplificare, sono quella che contestano l’allevamento e quella di chi alleva. 

In questa partita, bisogna riconoscerlo, è una batosta dopo l’altra per chi alleva e la filiera che ne fa parte. Al punto che aumentano in continuazione le accuse che le sono portate e dalle quali deve difendersi continuamente. 

Ma, per tornare alla partita, è come quella squadra assai più forte dell’altra, ma che per totale incapacità sotto porta – o, quando si arriva ai rigori, per non buttarne dentro uno – perde clamorosamente partita e Coppa.

E veniamo al punto di oggi. Tra le accuse da cui deve difendersi arroccata in area la filiera delle produzioni animali ha quella delle emissioni.

Argomento complesso e serio, sul quale sicuramente anche chi alleva deve fare una riflessione e capire come migliorare, dato che può e deve farlo.

Tuttavia il ragionamento di chi accusa è spesso condito con l’affermazione che una dieta vegetariana, per esempio, avrebbe un minore impatto sulle emissioni di CO2 complessive.

È proprio così?

A questo riguardo in un interessante webinar tenutosi di recente e dedicato alla sostenibilità dell’allevamento dei ruminanti, un ricercatore mostrava una serie di dati interessanti.

E, fin qui, tutto bene.

Diventa curioso vedere come tutto ciò impatta a livello di emissioni di CO2 legate alla loro produzione. Se per il gallone di latte i kg di CO2 prodotti sono 6,3, per i 10-20 kg di vegetali sono 13,5

Sono 15,5 per i 750 grammi di carne bovina; 5,5 kg per il pollo, 3,6 per il riso e 1 per il pane. 

La cosa interessante di tutto ciò, pur nel limite di una schematizzazione estrema (l’alimentazione è data in genere da una mix dei vari prodotti) è il confronto tra vegetali, latte e carne in termini di CO2 prodotta per avere la quantità di calorie necessaria. 

È evidente che la dieta di soli vegetali non è così virtuosa. 

Rispetto al latte e, a guardare bene, anche rispetto alla carne bovina.

Un bell’argomento per contrastare una certa vulgata, una bella azione per fare gol nella partita della comunicazione.

Illustrazione Pixabay.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *