“C’è vita a quota 35.5”, la chiacchierata di stasera e cosa non aspettarsi

La redditività della stalla da latte è ancora possibile? E come? È il tema della serata Steaming-Up di stasera, e che tema. Decisamente, tutto ruota attorno alla questione della redditività, e non potrebbe essere altrimenti, dato che fare latte è una attività economica. 

Ma, sempre più chiaramente e con scossoni a volte improvvisi, diventa evidente che lo scenario è cambiato. La quantità crescente non è più un’opzione percorribile o, se sì, in proporzioni molto più modeste e localizzate.

Temi come il benessere animale, il consumo di farmaci, l’eticità della produzione, la sostenibilità ambientale sono stati fatti propri dal consumatore e – soprattutto – di chi ne fa, mediaticamente e con pressioni sul legislatore, le veci.

E sono ormai muri portanti della costruzione del moderno allevamento, con riflessi diretti sulle modalità di gestione complessive. 

Se cambia la prospettiva è chiaro che devono cambiare anche le prassi: è frase spesso ripetuta che non si possono ottenere risultati diversi continuando a praticare le stesse azioni di prima. 

Vale anche per l’approccio alla stalla, nel quale alcuni ambiti – come quello prettamente tecnico e di performance – è stato perfezionato a un livello massimo negli anni, ma dove altri aspetti, ad esempio quello della gestione economico-finanziaria, ancora stentano a trovare un posto centrale.

Con il dr. Michele Campiotti, che è un tecnico appassionato, competente e con un solido ancoraggio a dati e numeri di tante stalle reali, parleremo di tutto questo, cercando di fare emergere spunti interessanti e utili dalla chiacchierata. 

Attenzione, però, a non aspettarsi cose di cui non parleremo. Non si parlerà di attualità, di accordi sul prezzo del latte recenti, di contrapposizioni tra produttori e trasformatori, di questo che “sfrutta” quello e viceversa.

Non perché non siano temi importanti, ci mancherebbe, ma perché non è la sede. Ci sono altri ring sul web dove tutto ciò avviene, non ne serve un altro. 

Certo, il titolo ha un’assonanza con il prezzo base del recente accordo in Lombardia, ma è un’immagine, un espediente da titolista per attrarre e introdurre un tema. Nient’altro. 

Ci concentreremo sulla stalla, sulle sue dinamiche, su come e perché certe realtà abbiano costi differenti di altre. E non è poco, direi.

Per chi vuole, appuntamento a stasera, ore 20.30.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *